logo

Istituto Comprensivo Statale di Rosciano

Scuola dell'infanzia, Primaria e Secondaria di I grado

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE
Istituto Comprensivo Statale Rosciano 
P.zza Berlinguer – 65020 Rosciano  
Telefono/fax 085/8505486     Codice fiscale 91100520682
e-mail:peic819009@istruzione.it        pec: peic819009@pec.istruzione.it
 sito web: www.istitutocomprensivorosciano.edu.it

Circolare n. 62 del 06/12/2021

Al tutto il personale docente e ATA

Al sito web

OGGETTO: Decreto Legge 172 del 26 novembre 2021. Obbligo vaccinale dal 15 dicembre 2021 per il personale scolastico, durata delle certificazioni verdi COVID-19, proroga dell’esenzione e priorità nell’accesso alla vaccinazione.

Obbligo vaccinale dal 15 dicembre 2021 per il personale della scuola

Dal 15 dicembre per tutto il personale scolastico, dirigente, docente e ATA, scatta l’obbligo vaccinale per la prevenzione dell’infezione da SARS-CoV-2. La somministrazione della dose di richiamo andrà effettuata entro i termini di validità delle certificazioni verdi COVID-19.

Il dirigente scolastico assicura il rispetto dell’obbligo, verificando immediatamente l’adempimento del predetto obbligo vaccinale tramite piattaforma ministeriale o controllo tramite scansione del green pass da parte del personale delegato.

Nei casi in cui non risulti l’effettuazione della vaccinazione anti SARS-CoV-2 o la presentazione della richiesta di vaccinazione nelle modalità stabilite nell’ambito della campagna vaccinale in atto, il dirigente scolastico invita, senza indugio, l’interessato a produrre, entro cinque giorni dalla ricezione dell’invito, la documentazione comprovante, in alternativa:

l’effettuazione della vaccinazione

il differimento

l’esenzione

l’avvenuta richiesta di vaccinazione da eseguirsi in un termine non superiore a 20 giorni dall’invito

l’insussistenza dei presupposti per l’obbligo vaccinale (ad es. per i guariti ancora in periodo di validità del certificato).

In caso di presentazione di documentazione attestante la richiesta di vaccinazione, il dirigente scolastico invita l’interessato a trasmettere immediatamente e comunque non oltre tre giorni dalla somministrazione, la certificazione attestante l’adempimento all’obbligo vaccinale.

Se chi produrrà la documentazione di avvio del percorso vaccinale (come indicato sopra, il termine di esecuzione della somministrazione non dovrà essere superiore a 20 giorni), a seguito di prenotazione della dose si troverà nella condizione di dover effettuare il vaccino dopo il 15 dicembre, potrà prestare servizio, ma in attesa della vaccinazione e del rilascio del green pass, dovrà effettuare il tampone molecolare ogni 72 ore ovvero un test antigenico rapido ogni 48 ore, al fine del rilascio della carta verde COVID-19 base.

In caso di mancata presentazione della documentazione richiesta, il dirigente scolastico accerta l’inosservanza dell’obbligo vaccinale e ne dà immediata comunicazione scritta all’interessato.

L’atto di accertamento dell’inadempimento determina l’immediata sospensione dal diritto di svolgere l’attività lavorativa, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro.

Per il periodo di sospensione, non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominati.

La sospensione è efficace fino alla comunicazione da parte dell’interessato al datore di lavoro dell’avvio o del successivo completamento del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della dose di richiamo, e comunque non oltre il termine di sei mesi a decorrere dal 15 dicembre 2021 (termine 15 giugno 2022).

Il dirigente scolastico provvede alla sostituzione del personale docente sospeso mediante l’attribuzione di contratti a tempo determinato che si risolvono di diritto nel momento in cui i soggetti sostituiti, avendo adempiuto all’obbligo vaccinale, riacquistano il diritto di svolgere l’attività lavorativa.

Sullo svolgimento dell’attività lavorativa in violazione dell’obbligo vaccinale si rinvia alla disamina dei commi 5 e 6 dell’art. 2 del D.L. 172/2021.

Durata delle certificazioni verdi COVID-19

La durata delle certificazioni verdi COVID-19, rilasciate a seguito di vaccinazione o di avvenuta guarigione, viene così modificata:

la certificazione rilasciata a seguito dell’avvenuta vaccinazione ha una validità di 9 mesi a far data dal completamento del ciclo vaccinale primario;

la certificazione verde COVID-19 ha una validità di 9 mesi a far data dalla medesima somministrazione, in caso di somministrazione della dose di richiamo (booster) successivo al ciclo vaccinale primario;

la certificazione verde rilasciata a seguito dell’avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del Ministero della salute ha una validità di 6 mesi dall’avvenuta guarigione;

la certificazione verde di coloro che sono stati identificati come casi accertati positivi al SARSCoV-2 oltre il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino, nonché a seguito del prescritto ciclo, ha validità di 9 mesi a decorrere dall’avvenuta guarigione.

Proroga del certificato di esenzione

Si fa anche presente che, con circolare n. 53922 del 25/11/2021, il Ministero della Salute ha disposto la proroga della validità delle certificazioni di esenzione alla vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19.

La validità e la possibilità di rilascio delle certificazioni di esenzione alla vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19, per gli usi previsti dalla normativa vigente, è prorogata sino al 31 dicembre 2021.

Non sarà necessario un nuovo rilascio delle certificazioni già emesse.

La certificazione di esenzione alla vaccinazione anti SARS-COV-2 viene rilasciata nel caso in cui la vaccinazione stessa venga omessa o differita per la presenza di specifiche condizioni cliniche documentate, che la controindichino in maniera permanente o temporanea.

Le persone che ottengono una esenzione alla vaccinazione anti-SARS-CoV-2 devono essere adeguatamente informate sulla necessità di continuare a mantenere le misure di prevenzione come:

a) usare le mascherine,

b) distanziarsi dalle persone non conviventi,

c) lavare le mani, evitare assembramenti in particolare in locali chiusi,

d) rispettare le condizioni previste per i luoghi di lavoro e per i mezzi di trasporto.

Priorità di accesso alla vaccinazione

Infine, si segnala che, con circolare 53886 del 25/11/2021, il Ministero della Salute raccomanda, a partire dal 1° dicembre 2021, la somministrazione della dose di richiamo (booster), nell’ambito della campagna di vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19, anche ai soggetti a partire dai 18 anni di età.

Sarà inoltre garantita la priorità di accesso alla vaccinazione sia a tutti coloro che non hanno ancora iniziato o completato il ciclo vaccinale primario, sia ai soggetti ancora in attesa della dose addizionale (pazienti trapiantati e gravemente immuno-compromessi) e ai più vulnerabili a forme gravi di COVID-19 per età o elevata fragilità, così come a quelli con livello elevato di esposizione all’infezione, che non hanno ancora ricevuto la dose booster, e comunque a tutti i soggetti per i quali è prevista l’obbligatorietà della vaccinazione.

Il Dirigente scolastico

D.ssa Candida Zappacosta

D.L. 172 del 26 novembre 2021 – indicazioni operative-signed

13057-D.l. 172 super green pass

6 Dicembre, 2021

Pubblicato in: ATA, Covid-19, Docenti, News